Come favorire l’indicizzazione del proprio Sito Web

Possedere un sito web oggi, da parte di un’azienda, è il primo e fondamentale passo per essere presenti nel web, tuttavia un sito web rappresenta le fondamenta della nostra strategia di business, ma non è assolutamente sufficiente: è come aprire un negozio e non posizionare alcuna insegna o segnaletica per permettere alle persone di trovarci. Nel mondo del web un sito deve essere ben posizionato nei risultati dei motori di ricerca e favorire l’indicizzazione del proprio sito web è un lavoro tutt’altro che semplice.

Ovviamente, come spiega il titolo, favorire il posizionamento del proprio sito web non significa posizionarsi nei primi risultati dei motori di ricerca, significa soltanto effettuare il primo passo nel posizionamento, “istruire” il motore di ricerca nel posizionamento del nostro sito, aprire le porte del proprio sito a Google e agli altri search engines.

I consigli illustrati in questo articolo fanno parte di branca della SEO (Search Engine Optimization) denominata SEO On Page, ovvero le pratiche di posizionamento del sito che si effettuano SUL SITO. E’ logico quindi pensare che il lavoro di posizionamento non termina qui, e infatti questa è solo una minima parte di ciò che un professionista SEO fa per posizionare un sito web. Insieme a queste pratiche vi sono ottimizzazione del codice, velocità del sito, link building, article marketing e tanto altro; è un lavoro lungo e complicato, ma che permette di acquisire traffico organico, ovvero traffico realmente interessato al nostro prodotto o servizio, e quindi in grado di convertire più facilmente.

In questo articolo vedremo alcuni consigli su come scrivere i meta tag di un sito web per favorirne il posizionamento.

I meta tag sono dei metadati che descrivono sinteticamente una pagina web, ed è proprio ciò che legge un motore di ricerca appena approda sul nostro sito. Agli albori del web questi metadati erano gli unici indici che il motore di ricerca prendeva in considerazione, oggi non più così: ad esempio, in un post del 2009 Google affermava che, nonostante la meta description venisse usata nei risultati della SERP, non veniva presa in considerazione per il posizionamento di un sito. Quindi, oltre a scrivere correttamente questi metadati, è importante scrivere bene anche i contenuti del sito, non bisogna scrivere per Google, ma per i nostri utenti. Scrivete in modo originale, con un vostro linguaggio e in italiano corretto.

Vediamo quindi nel dettaglio questi meta tag:

  1. META TITLE: Titolo della pagina web, è ciò che si vede in azzurro nei risultati di ricerca. Il titolo dovrebbe essere di almeno 60-70 caratteri, questo per evitare che venga tagliato dalla visualizzazione di Google, e deve descrivere sinteticamente e correttamente ciò che rappresenta quella pagina. Non è fondamentale, ma se nel titolo viene inserita la keyword principale di sicuro non fa male.meta-title-serp-di-google
  2. META DESCRIPTION: Il metadato più delicato e al contempo più importante. Descrive in modo sintetico ed esaustivo l’argomento della pagina e fornisce agli utenti che ricercano un aiuto inestimabile per convincerli che ciò che stanno cercando si trova effettivamente in quella pagina. Di solito è composta da circa 160 caratteri e appare sotto il link di un risultato di ricerca. Occorre prestare molta attenzione all’elaborazione della description, in generale meglio scriverla in forma attiva (Scopri, iscriviti, ecc..), mantenersi sotto i 160 caratteri, scrivi come se fosse un annuncio, inserendo magari anche la parola chiave principale, fai in modo di fornire una soluzione ad un problema o ad un interrogativo, un beneficio (Sei un principiante? Scarica la guida per….). Infine cerca di essere coinvolgente, la description può essere considerata una call to action a tutti gli effetti, trattala come tale.meta-description-serp-google
  3. META KEYWORDS: La loro importanza è stata sempre più ridimensionata da Google, che ha dichiarato più volte di non tenerne conto per il posizionamento, tuttavia è importante come sempre offrire agli utenti una indicazione valida sulla nostra pagina, quindi inserisci la keywords principale della pagina e in seguito parole chiave correlate ad essa (corso fotografia, corsi di fotografia, imparare la fotografia, ecc). In questo articolo trovate un elenco degli strumenti utili per scegliere le parole chiave per la vostra pagina web.meta-tag-di-un-sito-web

Infine, l’ultima indicazione non meno importante delle altre, il contenuto. Come già ribadito prima scrivete il contenuto del vostro sito senza pensare a Google, scrivete per offrire qualcosa di veramente utile ai vostri utenti, non badate a quante volte compare la parola chiave nel testo, non riflettete più di tanto sul modo ottimale di inserirla. Alcune parole chiave sono impossibili da inserire in modo corretto e mantenendo il senso della frase. Non badate a chi vi dice che la parola chiave deve comparire N volte nel testo, scrivete liberamente e pensate a chi vi sta cercando.

L’ultimo consiglio è quello di non improvvisare, la SEO è un lavoro complesso che interessa diverse professionalità, quindi rivolgetevi a degli esperti che possono consigliarvi in maniera completa.

Share it